SCHÖRZINGEN

SchörzingenFu uno dei 50 sottocampi di Natzweiler.
Iniziò l’attività il 20 febbraio 1944.
Vi furono rinchiusi circa 1.000 prigionieri politici e di guerra, soprattutto russi. Vennero impiegati in un’industria mineraria di carbone, la Kohle-Öl- Union (KÖU).
Per le gravose condizioni di lavoro imposte (dalle 12 alle 16 ore al giorno), o perché giustiziati, ne morirono 549. In parte furono cremati ed in parte sepolti in fosse comuni.
Il campo fu evacuato il 19 aprile del 1945; circa 650 prigionieri sopravvissuti, vennero avviati prima verso il lago di Costanza, poi in direzione di Ostrach e Königseggwald dove furono liberati.

Bibliografia:
G. Schwarz, Die nationalsozialistischen Lager, Campus Verlag GmbH, Frankfurt am Main, 1997, p. 214.

Sitografia:
https://www.ushmm.org/research/publications/encyclopedia-camps-ghettos/volumes-i-and-ii-available-online